Dipartimento di Medicina Molecolare

Contenuti del sito

Menu di navigazione - Torna all'inizio


Contenuto della pagina - Torna all'inizio


Immunologia e Patologia generale

Via Ferrata 9
27100 Pavia

Visualizza la Mappa




PROFILO:
 
Le remote origini dell’Istituto di Patologia generale risalgono agli anni Sessanta dell’Ottocento, a cavallo della prima fase dell’unità d’Italia. Fino a quell’epoca la Patologia generale veniva insegnata insieme alla Materia medica (che grossolanamente corrisponde all’attuale Farmacologia).
Nel maggio 1859 l’insegnamento della Patologia generale venne affidato a Luigi Concato, ma dopo pochi mesi passò a Paolo Mantegazza, un personaggio destinato a lasciare stabile traccia nella storia della medicina italiana della seconda metà dell’Ottocento. Ottenuta la cattedra Mantegazza chiese e ottenne di allestite un Gabinetto di Patologia sperimentale, attivo dal 1862 nel palazzo dell’Orto Botanico, pur con una dotazione estremamente esigua. Non si disponeva di personale fisso e le ricerche erano condotte con l’aiuto del sotto-portinaio Giuseppe Gariboldi e di alcuni studenti. Fra essi, il docente pavese notò un ragazzo di 16 anni, Giulio Bizzozero, che si dimostrò subito un eccezionale ricercatore al punto da riuscire a pubblicare dei lavori istologici prima della laurea in medicina, ottenuta a vent’anni nel 1866. Mantegazza nel frattempo venne eletto deputato a Firenze e Bizzozero passò immediatamente dal banco di studente alla cattedra di docente, supplendo dapprima il titolo nel suo corso di insegnamento e acquisendo nel 1869-70 l’incarico ufficiale del corso di Patologia generale. Fra la fine del 1872 e il 1879 l’insegnamento della Patologia generale venne affidato ad Achille De Giovanni.
L’allievo più importante di Bizzozero (sebbene fosse più vecchio di tre anni) e suo secondo successore sulla cattedra di Patologia generale fu Camillo Golgi.
Nel 1879, quando l’insegnamento della Patologia generale fu affidato a Golgi, il laboratorio era costituito da tre locali dell’Orto Botanico, affollati e ingombri di strumenti, due dei quali occupati da studenti e ricercatori, uno dedicato alla batteriologia e agli esperimenti sugli animali.
La fama di Golgi e le opportunità che offriva il suo laboratorio attiravano numerosissimi allievi e ricercatori provenienti anche dall’estero. I locali erano senz’altro inadeguati a questa situazione.
Dagli anni Ottanta l’Università aveva già acquistato Palazzo Botta – appartenuto ad una famiglia della nobiltà locale, i Botta-Adorno – allo scopo di trasferirvi alcuni istituti medico-biologici. Golgi fece uso di tutta la sua influenza per trovare all’interno di questo palazzo uno spazio adatto ad ospitare il suo istituto. Con un ‘colpo di mano’ attrezzature e mobilio del laboratorio furono trasferiti a Palazzo Botta durante una notte del 1894. Golgi, che in quei giorni si trovava a Roma, ottenne la regolarizzazione del trasferimento.
Nell’Istituto di Patologia generale si raccolse intorno a Golgi un’autentica ‘scuola scientifica’ che, tra la fine del secolo XIX e l’inizio del XX, avrebbe incluso: Emilio Veratti, scopritore del reticolo sarcoplasmatico, Adelchi Negri, che osservò i ‘corpi del Negri’ nell’infezione rabbica, Aldo Perroncito che descrisse la rigenerazione del nervo periferico dopo lesione sperimentale, Edoardo Gemelli, psicologo e fondatore dell’Università Cattolica, Anna Kuliscioff, attivista politica e medico sociale e Ottorino Rossi, insigne neurologo e rettore dell’Università di Pavia.
Con Golgi Palazzo Botta diventa così un centro di straordinario rilievo, in grado di attrarre ricercatori da tutto il mondo, tanto che i suoi nemici lo chiamavano ironicamente “il palazzo incantato”.
Successori immediati di Golgi alla guida dell’Istituto furono: Aldo Perroncito, Emilio Veratti e Piera Locatelli. Negli anni Sessanta del Novecento la guida della Patologia Generale fu assunta da Leonida Santamaria che rimase in carica fino agli anni Novanta quando la cattedra e i laboratori di Palazzo Botta vennero affidati alla guida del patologo Vanio Vannini. L’istituto si trasferì nella nuova sede in località “Cravino” nel 2008. Parallelamente, con le nuove disposizioni organizzative degli istituti universitari, la Patologia Generale entrò a far parte, dapprima del Dipartimento di Medicina Sperimentale e, più recentemente, del nuovo Dipartimento di Medicina Molecolare. Con il pensionamento del professor Vannini, la cattedra di Patologia Generale è recentemente stata affidata alla guida del Prof. Ermanno Gherardi.